Re-SET è il portale dedicato allo sviluppo territoriale

Re-SET è il portale dedicato allo sviluppo territoriale

Nelle nuove democrazie dell’est europeo come la Polonia, la Repubblica Ceca o l’Ungheria emerge come quasi due terzi degli addetti pubblici dispongano di un personal computer.

Significativo inoltre il dato del nord Europa dove il processo di integrazione dei computer all’interno degli uffici è di fatto concluso con il 100% di impiegati che dispone di un PC. Sempre nel nord Europa si registrano, percentuali superiori spesso all’80% di addetti pubblici con accesso alla rete Internet .

Nella media a livello del gruppo dei paesi OCSE ( prescindendo dal peso demografico di ciascuna nazione) si evidenzia un tasso di penetrazione dei Pc tra gli impiegati pubblici vicino al 75%.
Dalle risposte degli interlocutori dei paesi non Ocse che hanno partecipato al questionario, emergono, invece, ancora una volta valori nettamente distanti da quelli dei paesi avanzati con una media pari al 23%. La disparita tra i due gruppi di paesi è dunque ancora una volta molto evidente anche se va sottolineato come in questo caso il gap, rispetto a quello registrato considerando il livello di diffusione delle nuove tecnologie tra la popolazione, appare meno netto. Sui dati influiscono positivamente soprattutto gli alti livelli di diffusione di Pc tra gli impiegati pubblici evidenziati dalle nuove democrazie dell’est Europeo non appartenti all’Ocse come la Slovenia e la Russia.

Anche la presenza on line delle amministrazioni centrali e locali nei paesi OCSE ha raggiunto un ampio livello di diffusione.
Gran parte dei governi e dei parlamenti nazionali, come pure delle amministrazioni centrali pubbliche dei diversi stati dispongono di un sito Internet autonomo. Rilevante anche la presenza in rete dei governi dei paesi meno avanzati presenti in percentuale quasi totalitaria nel campione di paesi esaminati. Sempre tra i paesi meno avanzati si registra una presenza non irrilevante di sistemi di comunicazione web appositamente dedicati alle articolazioni delle amministrazioni centrali dello stato.

La presenza sul web costituisce ovviamente il prerequisito per lo sviluppo di una dimensione di e-government nei diversi paesi. Abbiamo però già sottolineato come al di là delle intenzioni o delle iniziative dei singoli governi rispetto all’utilizzo di Internet come sistema di comunicazione, il processo di sviluppo di un sistema di relazioni digitali tra cittadini e governo e tra cittadini e amministrazione pubblica non possa prescindere dalla disponibilità e dalla capacità di utilizzo delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione sia tra i cittadini che tra i dipendenti pubblici ed i decisori. L’effettività delle relazioni on line tra stato (nelle sue varie articolazioni funzioni e poteri) e cittadini, non si rileva dunque per il solo fatto dell’esistenza di siti on line pubblici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *